PARMA, WWW.GAZZETADIPARMA.IT – Tra i musulmani, c’è anche una cinquantina di parmigiani che si sono convertiti all’Islam. Come Gabriele, 24 anni e operaio metalmeccanico: «Da circa due anni ho abbracciato il credo di Allah – confessa Gabriele Longo -. Prima ero ateo, anche se avevo ricevuto tutti i sacramenti della religione cattolica. Ma adesso sto molto meglio: ho abbandonato i vecchi vizi e mi sento bene. E un giorno spero di poter sposare una ragazza musulmana».

gabriele

E questo fine settimana anche per Gabriele inizierà il Ramadan: «Non ho nessun timore – continua -. Non solo per il mese sacro, ma pure durante l’anno ogni tanto pratico il digiuno. Per quanto riguarda le preghiere, a mezzogiorno prego durante la pausa pranzo, mentre nel pomeriggio mi ritiro negli spogliatoi dell’azienda. Alla sera invece mi reco in moschea, insieme a tutta la comunità musulmana. E’ una comunità che mi ha accolto bene: sono tutti bravi ragazzi».
Alla fine del Ramadan, Gabriele volerà a Medina, dove studierà all’università per due anni sia l’arabo sia giurisprudenza. Insomma, una vita che è cambiata da così a così: «E pensare che all’inizio era semplice curiosità, poi invece ci ho creduto fino in fondo, ma è difficile da spiegare in poche parole».

riferimento:
http://www.gazzettadiparma.it/
20 agosto 2009

Publicités